Pagine Menu
Categoria Menu

Problema Caldaia

Wiki consigli
Come le auto anche gli impianti di casa tua hanno bisogno di un buon tagliando ogni tanto per non lasciarti a piedi

Se hai cliccato qui, probabilmente in questo momento l’acqua che esce dai tuoi rubinetti sembra quella di un torrente di alta montagna, i termosifoni sono gelidi e magari è anche notte fonda.
Ok, anzitutto tieni a mente la prima regola: NIENTE PANICO.

Ora, cerchiamo di risolvere insieme il problema; leggi attentamente i nostri suggerimenti e vedi se, nel giro di qualche minuto, riesci da solo a riportare l’ambiente a una temperatura accettabile.

 

Controlla le impostazioni

Anzitutto è bene che tu sappia che sulla caldaia ci sono da impostare due temperature: quella dell’impianto di riscaldamento e quella dell’acqua calda sanitaria. La prima deve essere tra i 60 e i 75° (a seconda di quanto sei freddoloso) la seconda invece tra 45 e i 50 °C.

Se non hai i termosifoni ma un ‘impianto di riscaldamento a bassa temperatura,(es impianto a pavimento) allora la temperatura di riscaldamento va impostata su 36 / 40°.

Controlla adesso di aver impostato la modalità di funzionamento della caldaia su RISCALDAMENTO o INVERNALE, solitamente è indicata con il simbolo del termosifone o del cristallo di neve. Ovviamente se si è in periodo estivo la caldaia va messa in ESTIVO il cui comando solitamente è indicato dal simbolo del sole.

Controlla i fondamentali

Acqua, corrente elettrica, combustibile. Per funzionare il tuo impianto ha bisogno di questi tre elementi. Immagino che, in questo momento, tu abbia la luce o qualche elettrodomestico acceso, se così non fosse prova ad accendere la luce o la TV o quello che vuoi, se non funzionano vai a controllare il contattore o il salvavita e in caso riarmalo, se ancora non c’è corrente allora contatta un’elettricista o il gestore della rete elettrica.

Devi controllare anche che l’acqua ci sia, prova ad aprire un rubinetto qualsiasi del bagno o della cucina; l’acqua deve avere anche una corretta pressione e ti spieghiamo come controllarla al punto III (link).

Se anche acqua c’è allora non ti resta che l’ultimo controllo il combustibile, per le caldaie a gas il controllo più semplice è andare in cucina e aprire il gas della cucina, se esce il gas allora ci sono buone probabilità che arrivi anche alla caldaia; se non esce e il rubinetto generale del gas è aperto potrebbe esserci un’interruzione della fornitura, contatta il gestore o chiama il tecnico (link), con il gas c’è poco da scherzare!

Controlla la pressione dell’acqua

La tua caldaia DEVE avere da qualche parte un’ indicatore della pressione dell’acqua, dovrebbe avere questo aspetto:

Se proprio non lo trovi allora la tua caldaia è molto recente e il valore della pressione è indicato nel display con un qualche led a lampeggio continuo. Ora, una delle due lancette segna la temperatura dell’impianto mentre l’altra segna la pressione dell’acqua, se la pressione è troppo bassa si blocca tutto, se la pressione è troppo alta idem.
La pressione corretta si trova TR 1 e MASSIMO 2 bar; a seconda del tipo di caldaia e di impianto. Se è inferiore a 1 bar: cerca il rubinetto di carico, di solito è posizionato sulla parte bassa della caldaia vicino a dove ci sono tutti gli altri tubi del gas e dell’impianto, e ha più o meno questo aspetto:

Una volta individuato giralo in senso orario, aspetta che la pressione torni a 1 o poco più e poi chiudi il rubinetto. Se la pressione resta stabile allora di li a poco la tua caldaia ripartirà, se cala di nuovo allora probabilmente hai una perdita oppure il vaso di espansione è bucato, in questo caso puoi farci ben poco e sarà necessario chiamare il tecnico.
Se è superiore a 2 bar a impianto spento: in questo caso probabilmente non sei al freddo ma ti consigliamo ugualmente di riportare la pressione al valore corretto agendo così: togli un po’ di acqua girando la rotellina di una delle valvole di sfiato dei termosifoni, in questo modo

Ricordati di procurare una bacinella o un bicchiere, se non vuoi che l’acqua finisca tutta in terra o puoi scaricare anche dal rubinetto di scarico, si trova solitamente nella parte bassa della caldaia e dovrebbe somigliare a questo:

Se la pressione non cala e poi ritorna a salire allora è di nuovo il caso di chiamare il tecnico.

Se ti siamo stati utili tutto quello che ti chiediamo è di sostenere la nostra pagina Facebook…

...e di cliccare su

Se hai provato tutto e non sei riuscito a venire a capo di nulla non disperare, contattaci all’indirizzo sonoalfreddo@gmail.com e sapremo consigliarti al meglio.

P.s. : chi ti ha fornito la caldaia ti ha lasciato (o quantomeno avrebbe dovuto farlo) un prezioso libretto di istruzioni; anche se ci rendiamo conto che a volte non sono universalmente comprensibili e chiari a tutti, magari per la terminologia troppo tecnica o perchè ci sono tutte le lingue tranne l’italiano ecc. il più delle volte sono molto utili, anche solo per identificare il tipo di guasto o un particolare componete (es. il rubinetto di carico).
Se non hai il libretto di istruzioni della tua caldaia e non hai come recuperarlo contattaci lo possiamo cercare noi per te.

Share This